Licenziamento individuale plurimo e cessazione appalto

Condividi questo articolo
Facebook
TWITTER
LinkedIn

Gli Ermellini, con la sentenza n.25653 del 27 ottobre 2017, hanno confermato che nell’ipotesi di licenziamento individuale plurimo in caso di cessazione dell’appalto non è necessario fare riferimento ai criteri di scelta di cui alla legge n.223/1991.

In tale specifica ipotesi, nessuna comparazione tra tutti i dipendenti dell’impresa, dunque, ma è sufficiente il venir meno del singolo appalto per legittimare la risoluzione del rapporto da parte del datore di lavoro che colpisca i lavoratori addetti a tale particolare commessa.

“il licenziamento in controversia non trova ragione in una generica esigenza di riduzione di personale omogeneo e fungibile, bensì nella soppressione di un servizio legato alla cessazione di un appalto, sicché il nesso causale che deve sussistere tra la ragione organizzativa o produttiva posta a fondamento del recesso ai sensi dell’art. 3 I. n. 604 del 1966 e la soppressione del posto di lavoro (cfr. Cass. n. 25201 del 2016) è idoneo, di per sé, ad individuare il personale da licenziare, tanto che nella specie sono stati licenziati tutti gli autisti addetti a quel servizio, senza ulteriore esigenza di fare ricorso ai criteri integrativi di correttezza e buona fede per la selezione dei licenziandi.”


Contenuti scaricabili
Vuoi chiedere ulteriori informazioni?